La chimica dei baci: Ecco perché baciarsi fa bene

0
21
baciarsi fa bene

Chi non ricorda il suo primo bacio? Parliamo di un gesto d’amore che crea emozione, desiderio, ansia ed eccitamento. Quando si inizia a frequentare una persona, il pensiero che prima o poi debba arrivare il fatidico momento del bacio interessa sia uomini che donne.

D’altronde, è l’espressione più chiara e intima dell’interesse reciproco. Baciandosi ci si sente coinvolti nel rapporto che si sta vivendo, ma parliamo di un gesto che vive anche all’interno di coppie che durano anni.

Tutti sappiamo che cosa significa baciare il proprio partner e come ci si sente. Quello che però pochi sanno è che l’atto di baciarsi ha molto a che vedere con la chimica. Oggi, infatti, capiremo insieme perché, secondo la scienza, baciarsi fa bene alla salute.

Perché baciarsi fa bene? Parola alla scienza

Iniziamo dicendo che baciare la persona per cui si prova attrazione, o il partner con cui si sta condividendo la propria vita, implica uno scambio di sostanze note come feromoni. Questi ultimi, senza dilungarci eccessivamente, stanno alla base dell’eccitamento tanto maschile quanto femminile.

Inoltre, l’atto del bacio favorisce la produzione di ossitocina, conosciuta come l’ormone dell’amore. Questa, infatti, porta al rilassamento del corpo e stimola l’emozionalità. Per quanto riguarda l’uomo, poi, il bacio è in grado di trasmettere anche il testosterone.

la chimica dei baci

Infine, quando due bocche si uniscono in un bacio passionale, vengono anche rilasciate le endorfine, delle sostanze che inducono ad una sensazione di euforia simile a quella prodotta da altri oppioidi.

Pertanto, bisogna essere consapevoli di tutto quello che avviene all’interno del corpo quando si bacia la persona che si ama, perché parliamo di un gesto che, per quanto normale, attiva diversi ricettori della mente e del corpo.

Ma, oltre alle sostanze che vengono prodotte e rilasciate durante un bacio, vediamo insieme perché la filematologia (scienza del bacio) sostiene che che questo gesto sia in grado di migliorare il benessere e la salute.

Aumenta le difese immunitarie

Secondo alcuni scienziati dell’Università di Leeds, il bacio tornerebbe utile per aumentare le difese immunitarie e per preservare il benessere e la salute dei figli che cresceranno nel grembo materno.

Con il bacio, infatti, vi è uno scambio di germi, con particolare attenzione al Cytomegalovirus, trasmesso dall’uomo alla donna proprio per la protezione della futura prole. Pertanto, l’atto del bacio è molto utile per la produzione di anticorpi.

Riduce il livello di stress

Come abbiamo visto prima, baciarsi favorisce la produzione di ossitocina e di endorfine, portando ad uno stato di rilassamento ed innamoramento. A confermarlo è una ricerca condotta da Wendy Hill del Lafayette College di Easton, che afferma come l’atto del bacio alteri i livelli di cortisolo sia nell’uomo che nella donna.

Il cortisolo non è nient’altro che l’ormone dello stress, che abbassandosi, favorisce il rilassamento. Per quanto riguarda l’ossitocina, però, questa sembrerebbe aumentare nell’uomo, mentre diminuisce nelle donne.

Inoltre, anche se questo non c’entra molto con il discorso relativo alla riduzione dello stress, va tenuto in considerazione che l’uomo intente il bacio come l’inizio di un rapporto sessuale, e per questo motivo preferisce lanciarsi in un bacio passionale con lo scambio di saliva. All’interno di quest’ultima, infatti, si trova il testosterone che viene trasmesso alla donna.

Stimolazione sensoriale

Infine, è interessante sapere che durante i baci più passionali vengono coinvolti la maggior parte dei nostri sensi: gusto, tatto e udito. Qui non c’è molto da spiegare: le due bocche che si uniscono in un bacio stimolano il gusto, le mani che accarezzano il collo o i capelli stimolano il tatto e, quando il bacio è intenso, a volte si percepisce a livello uditivo l’eccitamento del partner.

Per quanto riguarda la vista, invece, solitamente si tende a baciare con gli occhi chiusi. Il motivo è da ricercarsi nella noradrenalina, che provoca una vasodilatazione delle pupille. Ecco perché, nei baci più passionali, viene naturale ed istintivo chiudere gli occhi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here