Ansia da prestazione e infedeltà

Autore: Redazione

Per il 36% un’avventura con una sconosciuta allontana la pressione psicologica che compromette la prestazione, per il 28% il brivido rappresenta un viagra naturale

In Italia, 3 milioni e mezzo di uomini sono colpiti da disfunzione erettile (circa il 12% della popolazione maschile), almeno un italiano su due ha dovuto fare i conti, almeno una volta nella vita, con disturbi dell’erezione mentre il 20% soffre di eiaculazione precoce (dati Società Italiana di Medicina Generale).

I problemi legati alla sfera sessuale sono sempre più frequenti, a soffrirne con maggiore incidenza, sono uomini tra i 31 e i 40 anni, impegnati in una relazione stabile o di lunga durata (dati GfK Eurisko). Uno su quattro esorcizza la paura di fare cilecca concedendosi un’avventura occasionale. Secondo un sondaggio condotto dal sito di incontri extraconiugali AshleyMadison.com, sempre più uomini ricorrono al tradimento per superare i problemi legati alle prestazioni scongiurando così l’assunzione di farmaci ad hoc.

Il 64% degli uomini intervistati su comportamenti sessuali e eventuali tradimenti perpetrati o subìti, tutti sposati o in una relazione stabile, di età compresa tra i 30 e i 50 anni, considera l’avventura extraconiugale un’occasione utile a vincere i problemi di natura sessuale e a migliorare la propria consapevolezza a letto.

"Impotenza ed eiaculazione precoce non hanno necessariamente cause fisiche – spiega Axel Baccari, country manager Italia di Ashley Madison – La paura di deludere il partner, insieme con i ricordi negativi legati a prestazioni scadenti del passato possono avere effetti devastanti sulle capacità sessuali. Al contrario, trovarsi in una situazione nuova con una partner diversa sembrerebbe migliorare la qualità e la durata del rapporto sessuale".

Il 36% degli utenti maschili sostiene che relazionarsi con una sconosciuta, che non conosce il proprio passato sessuale, è più facile e allontana la pressione psicologica che precede e spesso compromette la prestazione. Per il 28% il brivido della conquista rappresenta ancora un Viagra naturale, perchè risveglia l’istinto da predatore e le fantasie, mentre per il 12% uscire dalla routine sessuale della coppia è già sufficientemente stimolante, anche grazie al fascino che proibito e trasgressione esercitano sulla libido maschile.

A confermare il dato, lo studio della ricercatrice Kristen Mark dell’Università dell’Indiana, pubblicato sulla rivista specialistica Archives of Sexual Behavior e condotto su un campione di 506 uomini e 416 donne, tutti in una relazione monogama, secondo cui ansia da prestazione e paura di non essere all’altezza amplificano del 6% la tendenza all’infedeltà dell’uomo.

La ricerca americana ha riscontrato come tra i principali fattori che spingono a tradire il proprio partner ci sia proprio l’insicurezza a letto e la paura di non essere all’altezza, frequenti negli uomini che soffrono di disturbi dell’erezione.“E’ proprio in queste situazioni che il tradimento può rivelarsi più efficace e salutare dei farmaci – continua Axel Baccari - E in particolare, un’innocente scappatella potrebbe tornare utile a rimettere a posto le cose".

TAGS - viagra,disfunzione erettile, erezione, eiaculazione precoce, problemi sessuali, sesso e salute, impotenza, tradimento