Zenzero: usi e proprietà

Autore: Irma D'Aria

Lo zenzero, oltre ad essere utile in cucina, è un toccasana per molte malattie e per la bellezza dei capelli.

Lo zenzero è la radice rizomatosa di una pianta tropicale che viene usata come spezia. Si trovano in commercio la radice fresca o secca, poi lo zenzero in polvere, candito e sciroppato che hanno utilizzi diversi. La radice secca si usa in pasticceria e per insaporire chutney e salamoie, liquori, vino e birra. Lo zenzero fresco si usa in cucina in carni, riso, verdure e pesce. In polvere si utilizza per aromatizzare salsa, budini e marmellate, quello sciroppato per dolci e gelati, mentre candito si mancia come caramelle.

Lo zenzero fresco si conserva in frigorifero, avvolto in carta e in un sacchetto di plastica nel cassetto delle verdure per almeno 2-3 mesi. Prima di usarlo grattugiato, tritato o a fettine, deve essere sbucciato. Quello secco invece va pestato leggermente per spezzare le fibre. Lo zenzero secco e in polvere si conservano a lungo in dispensa, in un recipiente, al riparo della luce, così come quello sciroppato e candito.

Molto diffuso in Europa già nel Medioevo, era ritenuto un toccasana per molte malattie e apprezzato in cucina. Lo zenzero favorisce, infatti, la circolazione, allevia i dolori di stomaco e la flautolenza. Un infuso caldo con un po’ di limone e miele allevia il raffreddore. Quello candito, comodo da utilizzare e da portare con sé, è un digestivo e un rimedio per nausea, dovuta soprattutto al mal d’auto.

Lo zenzero è anche un ottimo ingrediente per preparare una maschera per i capelli. Si prepara mescolando un cucchiaio di succo di zenzero con un cucchiaio di olio di sesamo e un cucchiaino di succo di limone. Si applica sul cuoio capelluto, si attende qualche minuto e poi si passa al lavaggio dei capelli.

TAGS - zenzero, rimedi naturali, capelli, bellezza capelli, maschera capelli, spezie