Cibo in spiaggia: precauzioni per conservarli bene

Autore: Redazione Fonte: Humanitas

Se d'estate mangiamo in spiaggia, è bene conoscere le norme igieniche per una corretta conservazione dei cibi in modo da evitare infezioni.

Dall'ambulante che vuole venderci il cocco o le bibite, alle nostre borse frigo sotto l'ombrellone, d'estate si mangia spesso in spiaggia. Ma la domanda è: questi cibi quanto sono sicuri? O meglio sono conservati bene? A metterci in guardia dal rischio di intossicazioni alimentari, che si moltiplicano proprio durante il caldo a causa di una cattiva conservazione o preparazione degli alimenti, il Ministero del Welfare, che ha pubblicato sul suo sito un decalogo di consigli e regole d'oro da seguire tenendo conto, inoltre, di una corretta modalità di gestione del cibo anche mentre si fa un barbecue, un pic-nic o nel tragitto dal supermercato a casa propria.

E dito puntato in questa direzione anche da parte del Ministero della Salute, che ha recentemente diramato i consigli per prevenire colpi di calore o altri malesseri collegati al caldo eccessivo (mettendo, inoltre, in atto, una serie di iniziative come il numero anti-caldo 1500 per informazioni e consigli) in cui cita anche l'attenzione alla corretta conservazione degli alimenti.

In effetti, il rischio di contrarre una malattia infettiva trasmessa con gli alimenti diventa ancora più alto durante la stagione calda, sopratutto perché è questo il periodo nel quale si hanno maggiori occasioni di organizzare pasti fuori casa o picnic in spiaggia. Diventa, dunque, ancora più importante in queste occasioni rispettare corrette norme igieniche di conservazione degli alimenti cotti. La temperatura, in particolar modo, è un aspetto al quale bisogna prestare molta attenzione tenendo presente che non solo le alte, ma anche le basse temperature nel caso di certi agenti patogeni possono favorirne la proliferazione. Ecco le regole basilari da seguire per tutelare la propria salute, come pubblicate dal Ministero del Welfare:

  • Diffida dei canali di distribuzione non convenzionali. Fai attenzione ai venditori improvvisati in spiaggia o in montagna. L'origine e le modalità di preparazione degli alimenti venduti possono non garantire la sicurezza del prodotto.
  • Guarda le confezioni. Verifica che gli alimenti che devono essere conservati a temperatura di refrigerazione/congelamento/surgelati siano mantenuti negli idonei banchi di vendita e verifica lo stato delle confezioni. Evita l'acquisto di confezioni rotte o non intatte, scatole o barattoli ammaccati o gonfi, uova rotte, prodotti con colori alterati o confezioni di prodotti congelati con brina. Verifica che le bottiglie di acqua minerale e altre bevande non siano esposte a fonti di calore.
  • Quando fai la spesa. Fai attenzione a prendere i cibi refrigerati e congelati al termine del giro di spese per evitare nocivi sbalzi di temperatura. Acquista piatti caldi o precucinati solo al termine della spesa, prima di lasciare il negozio. I cibi congelati o surgelati devono essere riposti in appositi sacchetti termici e vicini tra loro nel sacchetto della spesa. Dedica particolare attenzione alla conservazione delle creme, panna o maionese e a tutti i prodotti che contengono questi ingredienti.
  • Porta subito la spesa a casa. Il trasporto dei cibi acquistati dal negozio a casa deve avvenire il più velocemente possibile. Evita di fare lunghe fermate intermedie e di lasciare le borse della spesa in macchina, se ciò non è possibile e se hai acquistato alimenti facilmente deperibili munisciti di contenitori termici in cui conservarli.
  • Refrigera subito gli alimenti. A casa porre immediatamente i prodotti refrigerati, congelati e surgelati in frigorifero e/o in freezer e non lasciare alimenti freschi esposti all'ambiente. Ricordare di riporre la carne ed il pesce negli scomparti più freddi del frigorifero. Se ci si accorge di aver acquistato prodotti in cattivo stato di conservazione o alterati bisogna restituirli al venditore. In caso di necessità contattare la ASL competente.
  • In frigorifero ricorda che: - Bisogna curare con particolare attenzione l'igiene del frigo: ci sono batteri che crescono anche nei frigoriferi, a temperatura di refrigerazione. - Occorre maggiore attenzione alle temperature dei nostri frigoriferi e alla conservazione corretta degli alimenti negli scomparti più appropriati. - La carne e il pesce devono essere posti nello scomparto più freddo del frigo e bisogna assicurarsi che i liquidi persi dalla carne o dal pesce non contaminino altri alimenti. La conservazione in una confezione di plastica è, quindi, l'ideale. - Alimenti come latticini e uova e tutti quelli sulla cui confezione c'è scritto di refrigerare dopo l'apertura devono essere posti in frigorifero ad una temperatura intermedia. - I prodotti ortofrutticoli possono essere collocati nelle aree meno fredde. Naturalmente è sempre bene tenere sotto controllo tutti gli alimenti che sono nel frigorifero ed eliminare quelli scaduti o quelli che presentano alterazioni di colore od odore. - È preferibile scongelare gli alimenti nel frigorifero, o nel microonde, e consumarli subito. - Non riempire troppo il frigorifero in modo da non alterarne la ventilazione ed il processo di raffreddamento. - Trattare frutta e verdura con delicatezza. - Non lavare frutta e verdura prima di metterla in frigo: l'aumento di umidità favorisce la crescita di muffe e batteri.
  • Intensificare l'igiene. Intensifica la pulizia delle superfici a contatto con gli alimenti, con il calore i microrganismi si riproducono più facilmente. Ad esempio pulisci a fondo il tagliere o le superfici utilizzate per la preparazione di alimenti crudi prima di riutilizzarle per altre tipologie di alimento. Conserva correttamente gli alimenti che hai preparato.
  • Consuma gli alimenti subito dopo la cottura evitando di lasciarli a temperatura ambiente oppure conservali in frigorifero, opportunamente coperti, facendo attenzione a non inserirli troppo caldi in modo da evitare sbalzi di temperatura nel frigorifero.
  • Se cucini all'aperto. Ricordati che la cucina all'aperto può presentare molti rischi, per evitarli è necessario conoscere come preparare, conservare e cuocere i cibi all'aperto. Ad esempio: durante i picnic non bisogna impacchettare i cibi per picnic appena cotti o ancora caldi, è opportuno refrigerare gli alimenti da portare all'aperto per almeno 12 ore in frigorifero, anche panini o insalate già preparate, preparare il cibo in porzioni già pronte per il consumo, in modo da evitare di dover manipolare le pietanze, magari in assenza di acqua per lavarsi le mani. Durante i barbecue la cottura delle carni deve essere sempre accurata, non cuocere mai la carne ancora surgelata/congelata, cuocere tutto in modo uniforme, tenere separato tutto ciò che è crudo da tutto ciò che è cotto, evitare di lasciare i cibi all'aperto, non carbonizzare la carne per evitare la formazione di sostanze chimiche cancerogene, usare prodotti naturali come combustibile, ed evitare di utilizzare legna trattata con vernici o altre sostanze chimiche.
  • All'estero e durante le escursioni. Se sei all'estero, in posti esotici, evita di mangiare verdure crude e sbuccia la frutta e fai particolare attenzione all'acqua che bevi. Durante le escursioni in campagna evita di mangiare bacche o frutti o funghi sconosciuti, evita di bere acqua da corsi d'acqua.

Articoli più letti

Semplice dieta ipocalorica da consultare gratis!
DIETE - Post scritto da Luca Ruggiero
Cerchi una dieta? Eccone una che puoi consultare gratis: semplice, carina, adatta a chiunque ed ideale per perdere peso!
Caffè verde per dimagrire: è una bufala
DIETE - Post scritto da Redazione
Il caffè aiuta a bruciare calorie? Secondo alcuni quello verde è in grado di sciogliere i depositi di grasso e spegnere la fame. Ma gli esperti dell'Inran sono scettici.
Tabella dei valori nutrizionali degli alimenti
DIETE - Post scritto da Luca Ruggiero
Tabella dei valori nutrizionali degli alimenti, contenente tutti gli alimenti dalla A alla Z, con i valori di proteine, grassi, carboidrati e contenuto calorico.