Cucinare con gli scarti degli ortaggi: gusto e risparmio si uniscono nell'ecocucina

Autore: Redazione Fonte: ilfattoquotidiano / ilconsapevole.it

Un vecchio adagio recita che del maiale non si butta nulla. Da un po' di tempo neanche degli ortaggi. E' la nuova tendenza, l'ecocucina.

Un vecchio adagio recita che del maiale non si butta nulla. Da un po' di tempo neanche degli ortaggi. E' la nuova tendenza, l'ecocucina. Ossia come cucinare piatti gustosi utilizzando gli scarti di verdure, ma anche in subordine di carne e pesce. Una cucina buona che fa "bene" anche all'ambiente, che viene maggiormente tutelato (minore impatto ambientale).

La parola d'ordine è riduzione degli sprechi di prodotti, in tempo di crisi economica, in cui fare la spesa costa sempre di più (andare dal fruttivendolo è un po' come entrare in gioielleria) e di collasso ambientale.

I protagonisti di questa rivoluzione copernicana tra i fornelli sono: bucce di banane, di kiwi, di patate e di zucca. Baccelli di fagioli, gambi di cavolo, radici di porri e di cipollotti. Ma anche scarti dei carciofi, degli asparagi e tanto altro.

Che diventano la base di gustose ricette, mentre nella cucina tradizionale si butta fino 50% del peso del carciofo e fino al 55% della parte bianca degli asparagi.

Come cuocere quelli che quindi non sono più scarti? Si possono scoprire, ad esempio, le virtù di una cucina sana e senza grassi grazie ad una cottura al vapore... alternativa.

A prendere il posto del forno o della pentola wok è la "lavastoviglie".

Il vapore sprigionato da quest'ultima, infatti, garantisce una cottura lenta e dietetica. Basta scegliere la ricetta in base al tipo di lavaggio a 50, 60 o 70 gradi.

Il lavaggio eco consente una cottura a bassa temperatura (50° - 55° C). Il lavaggio normale una cottura a media temperatura (60° - 65° C). Mentre la possibilità di una cottura ad alta temperatura (70° - 75° C) arriva con il lavaggio intensivo.

Affinchè i cibi non vengano contaminati da detersivo ed acqua sporca basta chiuderli in vasetti di vetro e sacchetti sottovuoto chiusi ermeticamente. In linea con un'ottica "da riciclaggio" e salvambiente i sacchetti ed i vasetti possono essere riutilizzati più volte, lavandoli bene e facendoli asciugare all'aria.

Si possono cucinare anche carne e pesce oltre che ortaggi, ma le verdure impattano molto meno sull'ambiente (un impatto inferiore anche della metà). Come ingredienti extra possono essere utilizzati quelli semplici e facilmente reperibili in una dispensa come farina, spezie e cipolle.

Questo tipo di modo di cucinare non può prescindere da scelte più generali a monte. Scelta di alimenti biologici e stagionali, coltivati da sé, acquistati direttamente dal produttore o attraverso i Gas (Gruppi di acquisto solidale), una realtà che permette di risparmiare ed essere sicuri della qualità di ciò che si compra. Coltivati senza pesticidi e a chilometri 0, cioè frutto delle terre locali (senza immettere nell'ambiente gas inquinanti per il trasporto da un luogo all'altro). Occhio anche agli imballaggi. Meglio preferire quelli ridotti al minimo.

Per chi proprio non si fidasse della lavastoviglie, che assicura una cottura lenta, ottimale per cuocere gli scarti ricchi di parti fibrose, si può sempre optare per la classica pentola a pressione, che permette di risparmiare acqua ed energia.

Articoli più letti

Tè rosso del Sudafrica per dimagrire
PRODOTTI DI ERBORISTERIA - Post scritto da Redazione
Si chiama The di Rooibos e grazie alle sue straordinarie virtù è un valido alleato per depurare l’organismo e ritrovare la forma fisica. Con sei tazze al giorno aiuta il fegato a combattere l’accumulo di grassi e a regolare i processi metabolici.
Cosa fare quando si porta a casa un gattino?
BENESSERE DEGLI ANIMALI - Post scritto da Luca Ruggiero
Quando il nostro piccolo amico arriva a casa per la prima volta è necessario avere alcuni accorgimenti per farlo sentire a suo agio.
Dormire di notte fa bene alla salute: 10 consigli per dormire bene
STILI DI VITA - Post scritto da Luca Ruggiero
(CONSIGLI PER DORMIRE BENE) Dormire di notte, ed in orari canonici, fa bene alla salute ed aiuta a vivere meglio.