Alcuni suggerimenti per dimagrire con successo: quali errori non si devono commettere!

Mettersi a dieta è sempre faticoso perché richiede dei cambiamenti nei nostri stili di vita. Ecco qualche suggerimento per dimagrire bene e mantenere i risultati raggiunti.

La primavera è il periodo in cui tutti o quasi si mettono a dieta o comunque iniziano a considerare la necessità di perdere qualche chilo e mangiare meglio. Ecco qualche suggerimento per una strategia d'attacco che garantisca successo e non ci faccia commettere errori.

Come per il piano alimentare, anche per l'attività fisica è utile prevedere un piano personalizzato. E' importante anche cogliere tutte le occasioni per muoversi di più (fare le scale a piedi invece di usare l'ascensore, camminare appena possibile anziché prendere la macchina e così via).

Per quanto difficile, dovremmo pensare che il vero scopo non è dimagrire ma riuscire, una volta perso peso, a mantenere i risultati raggiunti: per questo è importante mirare a cambiamenti permanenti dello stile di vita.

Focalizzare l'attenzione sui cibi salutari (in particolare quelli con bassa densità energetica come frutta e verdura, da usare spesso anche per dare volume e sapore ai piatti) più che su quelli da evitare.

Prevedere alimenti appartenenti a tutti i gruppi, facendo attenzione alle scelte e alle porzioni di consumo.

Frazionare le calorie nella giornata prevedendo, oltre alla prima colazione, al pranzo e alla cena, anche uno o due spuntini, in modo da non arrivare mai troppo affamati ai pasti. Latte e yogurt a ridotto contenuto di grassi rappresentano una valida scelta sia per la colazione che per lo spuntino.

Bere mediamente 1.5-2 litri di acqua al giorno per combattere la ritenzione idrica.

Dare al gusto la giusta importanza: insaporire i piatti usando molte erbe aromatiche e spezie; alternare i vari tipi di cottura, ricorrendo spesso ad ingredienti come il pomodoro, il vino, il latte magro; curare l'aspetto dei cibi.

Quando, per vari motivi, si cede a qualche piccola tentazione, non considerarlo un fallimento ma piuttosto riprendere la "retta via" con maggiore determinazione e organizzazione.

Non usare il cibo come premio o tranquillante ma cercare delle alternative: una piacevole camminata, la lettura, la musica, una telefonata.

Non fare mai la spesa quando si è affamati. Meglio prendere l'abitudine di preparare una lista di quello che manca e cercare di attenervisi.

Pesarsi una volta alla settimana, sempre nelle medesime condizioni, e trascrivere il peso. Può andar bene anche controllare la comodità con cui si indossano pantaloni o vestiti aderenti.

Questo sito usa i cookie per le alcune funzionalità e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più, leggi maggiori informazioni. Chiudendo questo messaggio, scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o proseguendo nella sua navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie.