Stop al fumo, meglio di colpo o gradualmente?

Chi vuole smettere di fumare deve compiere un grande sforzo che richiede impegno e forza di volontÓ. Ma qual Ŕ la strategia vincente: smettere di colpo o gradualmente? Lo rivela una ricerca dell'UniversitÓ di Birmingham.

Cosa funziona di pi¨: smettere di fumare all'improvviso o smettere di fumare gradualmente? Ognuno di noi ha provato personalmente oppure ha visto qualche persona che conosce provare una delle due strategie per smettere di fumare.

E ognuno di noi si Ŕ fatto un'idea: c'Ŕ chi preferisce le vie drastiche e chi, invece, pensa sia meglio andare per gradi. Ora, per˛, arriva una risposta scientifica alla questione che ci svela come, in realtÓ, non ci sia alcuna differenza tra i due tipi di approccio.

I ricercatori dell'UniversitÓ di Birmingham, infatti, hanno selezionato dieci studi clinici, riguardanti oltre 3.700 fumatori, in cui si confrontavano gli effetti associati alla rinuncia totale e improvvisa delle sigarette con quelli di una riduzione graduale.

In pratica, gli autori non hanno riscontrato alcuna differenza nel tasso d'astinenza dal fumo, dopo almeno sei mesi di follow-up, con i due approcci.

Ci˛ Ŕ risultato vero con vari tipi d'intervento, ossia quando si Ŕ fatto ricorso o meno a terapie farmacologiche; nel caso in cui ai partecipanti sono stati offerti materiali per un'autogestione e quando hanno ricevuto supporto psicologico.

Ecco inoltre qualche consiglio su come fumare meno.

RISPETTIAMO LA TUA PRIVACY
Questo sito utilizza cookie, sia di prima che di terze parti, per finalitÓ statistiche, tecniche e, previo tuo consenso, anche di profilazione, al fine di proporti annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, leggi informativa sulla privacy e l'informativa sui cookie. Cliccando ACCETTO acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie ed accetti la nostra privacy policy.