Abbronzatura Spray: il segreto per una tintarella perfetta e sicura

Autore: Redazione Fonte: Rodiola.info

Abbrustolirsi al sole non è sicuramente il modo migliore per ottenere un'abbronzatura perfetta; pazienza, attenzione e l'utilizzo di una crema solare efficace sono le uniche soluzioni adottabili.

Abbrustolirsi al sole non è sicuramente il modo migliore per ottenere un'abbronzatura perfetta; pazienza, attenzione e l'utilizzo di una crema solare efficace sono le uniche soluzioni adottabili. Il motivo? Non è una lunga e ustionante esposizione ai raggi UV che permette di colorare la pelle con quella meravigliosa tonalità bruno-dorata, anzi in questo modo si ottiene proprio l'effetto opposto, con scottature, eritemi e rughe nel tempo. Non si può e non si deve pretendere un'abbronzatura perfetta in una settimana, perché la nostra pelle (anche a seconda del tipo) necessita di assorbire in maniera graduale i raggi del sole, per un rilascio efficace di melanina. In caso contrario, le cellule delle pelle potrebbero danneggiarsi irreparabilmente e dare origine a patologie più serie, la più grave delle quali è il melanoma. Per chi ha una pelle sensibile o non ha tempo di curare una tintarella per l'imminente matrimonio, la soluzione è lo spray tan, ovvero l'abbronzatura spray.

Vediamo di cosa si tratta e come ottimizzarne la durata nel tempo

L'abbronzatura spray consiste nell'applicazione professionale (quindi non casalinga) di un prodotto a base di DHA (diidrossiacetone) che permette alla pelle di assumere, gradualmente, un colorito scuro che simula in maniera perfetta un'abbronzatura dorata. E' sicuro perché non stimola la melanina ma agisce al livello più superficiale della cute, reagendo con la cheratina in essa presente. La tecnica utilizza è quella della nebulizzazione, in modo da creare una superficie uniforme. Così come si scurisce, allo stesso modo il prodotto tende a schiarirsi naturalmente e gradualmente con il passare dei giorni, fino a scomparire. La sua durata, dai 5 ai 10 giorni, dipende dalla qualità dei materiali utilizzati e da piccoli accorgimenti che vanno seguiti individualmente, prima e dopo il trattamento.

Un'abbronzatura perfetta inizia ancor prima di applicare il prodotto

Prima iniziare il trattamento è necessario che la pelle sia nelle migliori condizioni, quindi esfoliata ogni giorno per tre giorni e depilata almeno 24 ore prima, in modo da evitare la fastidiosa e antiestetica puntinatura.

No a deodoranti e creme

La presenza di lozioni, deodoranti o creme può causare disomogeneità nella colorazione.

Quando e come fare una doccia dopo il trattamento

E' consigliato aspettare almeno sei ore per una doccia, così da fissare efficacemente il prodotto sulla pelle; inoltre la prima volta è meglio utilizzare acqua a temperatura ambiente e non troppo calda e detergenti naturali, che non lascino residui sulla pelle.

Una corretta idratazione permette all'abbronzatura di durare più a lungo, ma bisogna fare attenzione al tipo di prodotto che si utilizza; una formula a base di olio degrada più rapidamente il colorito, mentre una semplice lozione emolliente, applicata nelle doccia o subito dopo, si dimostra particolarmente efficace.

Evitare eccessive sudorazioni

Perché il colorito dorato resti il più a lungo possibile sulla pelle, sono da evitare quelle copiose sudate che scaturiscono dall'esposizione al sole e dall'esercizio fisico intenso. In fin dei conti si tratta di pochi giorni, nei quali si può ridurre l'attività sportiva, in particolar modo la piscina, che ha nel cloro il nemico giurato dell'abbronzatura.

Esfoliare per evitare le macchie

Una leggerissima esfoliazione, ogni due o tre giorni, è essenziale per garantire il mantenimento di un colore omogeneo. Certo, l'abbronzatura tende a svanire un po' più rapidamente ma senza lasciare macchie. Si consiglia di utilizzare una formula molto delicata, evitando magari uno scrub al sale che potrebbe risultare aggressivo.

TAGS - abbronzatura, spray tan