Come dimagrire a 40 anni

Autore: Redazione

Dopo i 40 anni dimagrire diventa più difficile perchè il metabolismo rallenta e ogni sacrificio a tavola sembra non produrre risultati. Ecco cosa fare.

Dopo i 40 anni è più facile accumulare qualche chili di troppo perché il metabolismo tende a rallentare, il corpo subisce delle variazioni ormonali e bruciare i grassi diventa più difficile. A questo spesso si aggiungono altri fattori che contribuiscono a far muovere negativamente l’ago della bilancia, come uno stile di vita scorretto o troppo sedentario, poco esercizio fisico o un’alimentazione non curata. Ma non è detto che bisogna arrendersi ai chili di troppo. Basta seguire qualche accorgimento in più.

Il primo consiglio è quello di ridurre gradualmente le porzioni, mangiando un po’ di tutto con moderazione. Per aumentare il senso di sazietà è utile consumare verdura cotta e cruda a piacere, magari prediligendola ad inizio pasto. I carboidrati, le proteine, i formaggi e anche i legumi sono utili per dimagrire e possono essere portati in tavola quotidianamente, ma con un’attenzione particolare al quantitativo ingerito.

Sempre ma in modo particolare dopo i 40 è importante fare movimento. L’esercizio fisico quotidiano, infatti, aiuta ad aumentare il metabolismo, a rinforzare la muscolatura, a ridurre il girovita e a non accumulare grasso superfluo. In alternativa alla palestra, per restare in forma e dimagrire si può anche nuotare, camminare a passo spedito o andare in bicicletta.

Per resistere alle tentazioni e non arrivare ai pasti con una fame eccessiva, è buona abitudine fare dei piccoli spuntini durante la giornata. Ogni 4-5 ore, quindi, è bene consumare frutta fresca, un pezzettino di formaggio grana, qualche fetta di prosciutto magro, uno yogurt naturale o uno snack bilanciato. Dolci, fritti o alimenti confezionati eccessivamente calorici e zuccherati vanno consumati con moderazione e occasionalmente, per non rischiare di eccedere con il quantitativo calorico giornaliero.

Tra gli alimenti "alleati della linea" c'è l‘avena che limita l’assorbimento intestinale del colesterolo e degli acidi biliari. Le ciliegie, frutto poco calorico e saporito, sono ricche di antiossidanti, aiutano a lenire i disturbi articolari e sono particolarmente indicate come spuntino durante il giorno. Le mandorle migliorano i livelli di zucchero nel sangue e allo stesso tempo riducono il colesterolo mentre il pesce azzurro, magro e povero di grassi, aiuta a dimagrire ed è prezioso alleato per la salute del cuore grazie all’elevato contenuto di omega 3.

Articoli più letti

Semplice dieta ipocalorica da consultare gratis!
DIETE - Post scritto da Luca Ruggiero
Cerchi una dieta? Eccone una che puoi consultare gratis: semplice, carina, adatta a chiunque ed ideale per perdere peso!
Caffè verde per dimagrire: è una bufala
DIETE - Post scritto da Redazione
Il caffè aiuta a bruciare calorie? Secondo alcuni quello verde è in grado di sciogliere i depositi di grasso e spegnere la fame. Ma gli esperti dell'Inran sono scettici.
Tabella dei valori nutrizionali degli alimenti
DIETE - Post scritto da Luca Ruggiero
Tabella dei valori nutrizionali degli alimenti, contenente tutti gli alimenti dalla A alla Z, con i valori di proteine, grassi, carboidrati e contenuto calorico.
Dieta drenante: come sgonfiarsi e perdere una taglia in una settimana
DIETE - Post scritto da Redazione
Se volete perdere una taglia in poco tempo, provate questa dieta drenante che si segue solo per una settimana al mese. Ma prima chiedete al vostro medico.